Setup del Software

Installazione e configurazione di ircDDB Gateway

Iniziamo installando ircDDBGateway-20131001.exe e dalla directory del programma andiamo a creare un collegamento sul desktop di ircDDBGateway ed ircDDBGatewaySetup. Quest'ultimo ci permetterà di effettuare tutti i settagi del programma prima del suo avvio. Come per il Sound Card Repeater, anche in questo caso aggiungiamo "(spazio)-gui" alla riga di comando facendo click con il tasto destro e selezionando "proprietà > destinazione" in modo da avviarlo in modalità GUI attivata di default.

A questo punto, prima di iniziare la configurazione del programma, dobbiamo fare delle semplici modifiche all'interno di alcuni files di testo che ircDDBGateway utilizza per il suo funzionamento altrimenti, non avendo un nominativo registrato sulla rete ircDDB, non potremo connettere nessun Xreflectors. In particolare, spostandoci all'interno della cartella del programma, dobbiamo aprire sia il file DExtra_Host.txt che il file DPlus_Host.txt poi tagliare la lista degli Xreflectors contenuti all'interno del primo file ed incollarli all'interno del secondo file alla fine della lista dei Reflectors, dopodiché chiudere e salvare entrambi lasciando il file DExtra_Host.txt privo della lista che conteneva. In oltre, all'interno del file DCS_Host.txt, al posto della stringa relativa al DCS008 bisogna inserire il numero di ip "87.106.84.53 L" perché altrimenti il programma scarica dalla rete un numero errato che non permette la connessione con il DCS008 stesso. La lettera L maiuscola dopo il numero ip e lo spazio impedisce al programma di aggiornarlo dalla rete.

File DCS_Host.txt
File DCS_Host.txt

Apriamo ora il file di configurazione ircDDBGatewayConfig e iniziamo ad inserire i dati relativi al nostro hotspot, aggiungiamo il nominativo e lasciamo invariati gli altri parametri. Se volete potete inserire le coordinate in formato decimale per visualizzare il gateway sulla mappa di aprs.fi di google. Dopodiché passiamo alla prima sezione del Repeater1. Qui scegliamo la lettera del modulo relativo alla banda utilizzata, poi il tipo di sistema nel nostro caso Homebrew, ovvero tradotto "fatto in casa", lasciamo l'indirizzo interno e la porta invariati e selezioniamo il Reflector, il DCS o l'Xreflector al quale il nostro hotspot si connetterà all'avvio e il relativo modulo e indichiamo dopo quanto tempo verrà riconnesso nel caso un utente lo abbia disconnesso o dirottato altrove. Se nel campo Reflector scegliano none il sistema non connetter all'avvio nessun reflector, mentre se scegliamo fixed il nostro hotspot non potrà essere dirottato su altri reflector che non quello di default.

Nella seconda sezione relativa a Repeater1 inseriamo i dati relativi alla frequenza operativa, offset, coordinate ed altro e saltiamo le altre configurazioni relative ai ripetitori da 2 a 4. Nella sezione ircDDB scegliamo la voce Disabled relativa al campo ircDDB perché non abbiamo un nominativo registrato su questa rete e passiamo alla sezione successiva. Qui abilitiamo il D-PRS, lasciamo l'hotname rotate.aprs2.net e la porta 14580 e andiamo ad abilitare anche il DExtra lasciando il numero di dongles massimo a 5. Andando avanti nella configurazione abilitiamo il D-Plus, anche qui lasciamo 5 possibili connessioni di dongles e come login inseriamo il nostro nominativo registrato sulla rete D-Star con la lettera H. Solitamente quando viene effettuata la registrazione sulla rete D-Star che ci abilita al traffico sui vari ripetitori, il nostro nominativo viene registrato con cinque possibili varianti, ad esempio troveremo IZ5CMC; IZ5CMC D; IZ5CMC M; IZ5CMC P e IZ5CMC H. Per convenzione dovrebbe intendersi D come dongle, M come mobile, P come portatile ed H come hotspot, ma nelle registrazioni antecedenti a questo tipo di standard è possibile trovare anche altre lettere come A,B,C e D. Per controllare la nostra registrazione possiamo usare questo link se il nostro nominativo non è presente con la lettera H possiamo usare un'altra lettera disponibile tanto per continuare, ma sarebbe opportuno provvedere a far effettuare un adeguamento con la correzione al nuovo standard.

Passando oltre, abilitiamo DCS e CCS lasciando selezionato il server CCS004 e saltando le sezioni relative alle starnet passiamo agli ultimi settaggi che nel menu misc saranno come nell'immagine che segue:

Una volta teminata la configurazione, ricordiamoci di salvare le impostazioni e di aprire l'ircDDBGateway solo dopo aver lanciato il programma Sound Card Repeater.